Stepa's

Prima del giorno

C’è ancora neve, in giardino, a proteggere i semi sotterranei dalla grande gelata. Così la notte proteggerà il cuore, prima del giorno.

Annunci

Equilibri(sm)o

Essere forti come un’ala di farfalla, essere cedevoli come una scheggia di quarzite. In mezzo, l’equilibrio, così difficile da soppesare con le parole non più trovate ma tutte lì in fila, pronte per essere ricucite ad una ad una, tra la lingua e il cuore, in un futuro che tarda a venire.

Nostos

Mi manco. Prima di tornare a questa spiaggia ho percorso così tanta strada che non vedo i miei piedi. Per imparare la vita ho dovuto cancellare le parole. Tutte le parole. Ma queste sono riemerse appena un attimo prima di soffocare nell’oceano dell’abbandono. Sono dunque qui, senza sapere più scrivere ma con la prepotente necessità di disegnare un gesto nell’aria e dire “Eccomi, sono tornato a casa”. E quel gesto diventerà parole. Tutte le parole che non ho più scritto, tutte le parole che non ho più detto.

Prospero’s blog

Così tanto tempo è passato! E tu, mio Calibano, sei ancora qui a far la guardia ai  miei anni, a servire le mie follie! Riuscirò mai a lasciare quest’isola? Riuscirò mai a dimenticarmi?

Oltre

 A Alda

 

Mai seppi,

come fosse il vento a non dire,

le parole intessute nella trama di ragno

dove le paure s’aggrappano

ed esche diventano

alla sordità del cuore

ed oltre         così

spinsi le finestre

il pianto,

per mai più

sentire

la circospezione del dolore.

Shehecheyanu

Per tutto il giorno,
allo schiudersi delle ore,
il suo respiro
tacque
come fosse tuffo
l’attesa,
al cuore precoce.

D’un tratto
si ricordò il sapore
della sua lingua,
subito dopo il melograno
di Rosh haShana
e il suo cuore rosso
traboccò di giorni,
libero, infine,
da quel troppo amare.

Come lotofagi

Poi passarono le farfalle
e la montagna si inchinò
al canto delle tuberose
verso il cielo turchino
e terso.
Fu il momento,
giusto un attimo,
in cui sentimmo il rintocco
dei cuori in festa,
prima che l'orizzonte
divorasse il mattino.

Je n'oublierai pas

Serro vermigli nodi di carne
alla memoria,
cancellando cluster di ricordi inutili
con scosse elettriche
innervate d’oblio,
ma le rondini,
mai dimenticherò le rondini
che volano dentro il tuo sorriso
azzurro,
garrendo sciabolate
nella polpa del cuore.

(de roses tarissant tout parfum au soleil)

La via che s’apre al mio soggiorno
                          in questo lato del tempo
esplode                                al sottile bagliore
                   della calura                            appena sfilata
          dall’abbraccio del giorno
                                            e perciò resto
        svuotato della terra
           e sradicato                    al velo
                                                   azzurro come     sospeso
al farsi          del domani inatteso,
        passo per passo
                                      ma senza moltiplicare,
                            semmai sottrarre,
          la parola in eccesso
                                                        di vuoto.
 
Immagino                la casa
                                  di pietra,                       il giardino,
                           de roses tarissant tout parfum au soleil,
ascolto le parole
                                                           (riaffiorate, non più eluse)
               e quel che fu inseparabile
                                                                                           al cuore
        s’intrama                  al passo lento
        di ciò che insieme aggiungeremo.
 
           Tacciono,         d’un tratto,           le voci
                                                          perdute dal vento
      ai quattro angoli                       della sua rosa
             per lasciarmi,
seduto in faccia               all’ovest del giorno,
                        ad aspettarmi,
infine.

 

Salina

Il silenzio,

d’un colpo,

risoffia d’ali,

i lini bianchi alle finestre

e d’agrumi il giorno s’incanta

e mare in spume

in petto risacca

a sfinire

il cielo,

per languore

di meriggio

accecato

sulle tue palpebre

chiuse.

 (stasera intreccerò

ghirlande

di mirto e rosmarino,

che inchioderò alla mia porta,

quando l’estate sarà finita,

perché mai

l’inverno

ti geli il cuore,

perché mai

la notte

inabissi il mare)

 

Il silenzio,

ancora,

risuona d’ali,

penombre allungate al frinire

di cicale

sospese su rossa terra,

dove danzano tamerici

inebriate

al volo radente

dello scirocco

a venire,

per chiudere il tempo

dell’attesa.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: